Homepage


Spiritualità e Preghiere

-2- LECTIO DIVINA

 Spiritualit e Preghiere - San Gregorio Magno
BRANI TRATTI DAL COMMENTO MORALE
A GIOBBE DI SAN GREGORIO MAGNO

1-Interiorità, spiritualità
S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, p 81-83

2

è necessario che chi parla di Dio si preoccupi di rendere migliori quelli che lo ascoltano.

S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, p 85

3-Commentare la parola di Dio
S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, p 85

4-Interpretare la Scrittura
S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, p 87

5-Sacra Scrittura non solo per gente colta

La parola di Dio (divinus semo), se da un lato impegna con i suoi misteri l gente colta, dall'altro riscalda con la sua immediatezza le anime semplici. Con la sua chiarezza offre nutrimento agli umili (parvulos), mentre con la sua profondità non finisce di stupire gli spiriti più elevati (servat in secreto unde mentes sublimium in admiratione suspendat). è come un fiume, direi, dalle acque basse profonde, dove un agnello puì muoversi liberamente e dove un elefante può nuotare

S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, pp 87-89



6-Essere umano e limite creaturale
S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, p 95



7-La sofferenza come epifania di santità
S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/1, Roma 1992, pp 97-99



8-Riposare in Dio
S. Gregorio Magno, Commento Morale a Giobbe, I/2, Città Nuova 1994, p 729








Santuario di Virgo Potens, PIAZZA VIRGO POTENS 16153 Genova-SESTRI PONENTE (GE)